La delibera dell’ECJ è una ‘sconfitta per Ryanair e una vittoria per i diritti dei lavoratori’

La Federazione Internazionale dei Lavoratori dei Trasporti (International Transport Workers’ Federation - ITF) e la Federazione Europea dei Lavoratori dei Trasporti (European Transport Workers’ Federation - ETF) hanno accolto favorevolmente come un’importante sconfitta per Ryanair un decreto della Corte di Giustizia Europea (European Court of Justice - ECJ) sui diritti dei lavoratori.

La Corte ha stabilito che vertenze riguardanti il contratto di lavoro di un membro dell’equipaggio di cabina rientrano sotto la giurisdizione dei tribunali del paese da cui espletano le loro mansioni – non quelli di un paese quale l’Irlanda che la compagnia aerea potrebbe scegliere per perseguire i propri interessi.

 

La sentenza nelle cause congiunte di Nogueira et al vs Crewlink (agenzia di collocamento di Ryanair) e Osacar vs Ryanair, stabilisce i diritti dei lavoratori mobili del settore dell’aviazione di far giudicare i loro reclami secondo le leggi del paese da cui operano. Determina che un dipendente può fare causa al proprio datore di lavoro nel tribunale che gli risulti più vicino. È un passo cruciale per quanti hanno bisogno di ottenere giustizia in questioni riguardanti contratti di lavoro individuali.

 

La sentenza ha accomunato molteplici cause di membri del personale di cabina di Belgio, Spagna e Portogallo, tutti con problemi di lavoro (per esempio casi di licenziamento ingiustificato) nei confronti di Ryanair/Crewlink, che aveva cercato di avere le udienze in Irlanda, indipendentemente da dove vivessero e lavorassero i membri dell’equipaggio.

 

Steve Cotton, segretario generale di ITF, ha spiegato: “Questa decisione è una sconfitta per Ryanair e una vittoria per i diritti dei lavoratori. Conferma il principio fondamentale di tutelare i lavoratori mobili del settore dell’aviazione assicurando che possano chiedere conto al loro datore di lavoro nel paese da cui svolgono veramente le loro mansioni – non in un paese che potrebbero non aver mai visitato e i cui tribunali sono stranieri e situati a centinaia di chilometri da casa e dal posto di lavoro.”

 

Eduardo Chagas, segretario generale di ETF, ha osservato: “Sono certo che questa delibera darà più potere ai lavoratori di tutte le compagnie aeree che cercano di eludere le leggi nazionali e scegliere la giurisdizione più conveniente per i loro interessi. La base di servizio da cui si lavora è il criterio basilare quando si tratta di tutelare i diritti legittimi del personale mobile all’interno dell’Ue.

 

“Desidero rendere omaggio ai lavoratori e ai loro sindacati, che hanno preso posizione e combattuto per i loro diritti. Questa sentenza è una vittoria importante nella lotta contro il “dumping” sociale nel settore dell’aviazione.  

 

“Vorrei anche ringraziare il sindacato belga CNE affiliato a ITF/ETFed per l’appoggio dato a questa causa innovativa.”

 

La decisione ha fatto seguito ad una domanda sottoposta dal Tribunale del Lavoro di Mons (Belgio) e oggi è stato deliberato che ai sensi del Regolamento (CE) n. 44/2001 un membro dell’equipaggio può fare causa al suo datore di lavoro nel tribunale del lavoro appropriato. Ciò rappresenta un notevole scacco per Ryanair, che da anni asserisce che soltanto i tribunali irlandesi possono decidere cause da parte di lavoratori di qualsiasi nazionalità e qualsiasi base di servizio, dal momento che, fra l’altro, i suoi aeromobili sono registrati in Irlanda.

 

FINE

 

Per ulteriori informazioni contattare

ITF. Sam Dawson, direttore stampa e redazione. Email: dawson_sam@itf.org.uk. Tel: +44 (0)20 7940 9260.

ETF. François Ballestero, segretario politico per l’aviazione civile. Email: f.ballestero@etf-europe.org. Tel : +32 2 285 46 65

 

Chi sono ITF e ETF

ITF è una federazione internazionale di oltre 700 sindacati dei trasporti che rappresentano 16,5 milioni di lavoratori dei trasporti di qualcosa come 150 paesi.

 

ETF rappresenta più di 230 sindacati dei trasporti di 41 paesi europei, con oltre 3,5 milioni di lavoratori dei trasporti. Nel settore dell’aviazione, è un partner sociale riconosciuto e l’unico rappresentante dei lavoratori del settore dell’aviazione in tutti i sottosettori dell’industria: gestione del traffico aereo, equipaggio, servizi di assistenza a terra, manutenzione, ecc.

Add your comment

All comments